Rinnovo CCNL Metalmeccanici: 21 buone ragioni per dire no all’intesa contrattuale (ADL Varese)

metalmeccanici-3Rinnovo CCNL Metalmeccanici: 21 buone ragioni per dire no all’intesa contrattuale

  1. Per la prima volta non viene sottoscritto alcun aumento, tutto dipenderà dall’inflazione IPCA (senza energia importata);
  2. A giugno 2017, se l’inflazione viene confermata (media tra 2016 0.3% – 2017 0.5%), si avrà un aumento di circa 6€ netti al mese;
  3. Gli aumenti fissi derivanti dal recupero dell’inflazione assorbiranno  tutte le altre voci in busta paga se non esplicitamente dichiarate NON ASSORBIBILI (forse anche gli scatti di anzianità);
  4. Per tutto il 2016 ci sarà una quota UNA-TANTUM di 80 euro che non coprirà nemmeno la metà degli scioperi fatti. Altro che indennità di vacanza contrattuale e recupero dei mesi senza contratto;
  5. A giugno di ogni anno, l’aumento dovrà essere RICONTRATTATO con i padroni, nulla è più garantito;
  6. Per il 2018 l’inflazione prevista ad oggi è 1% (ma può essere meno) con un aumento di circa 10 euro netti al mese rispetto al 2017;
  7. Per il 2019 (a giugno) l’inflazione prevista oggi è 1.2% con un aumento di circa 13 euro netti al mese rispetto al 2018, sempre che Federmeccanica sia d’accordo;
  8. L’ipotetico aumento di stipendio nei 4 anni di applicazione del contratto (2016/2019) sarà di 6+10+13=29 euro netti al mese;
  9. Le altre voci concordate sono nel costo complessivo dell’accordo ma non sono “aumento” come ERRONEAMENTE propagandato da FIMFIOMUILM;
  10. Il contributo aziendale al fondo pensione COMETA passa dall’1.6% al 2% con un aumento di 0.4 che corrisponde a 4 euro al mese ma solo per gli aderenti, preferiamo tenerci la nostra pensione;
  11. La quota destinata al fondo sanitario METASALUTE, passa da 72 euro a 156 con un incremento di 84 euro all’anno e cioè 7 euro al mese tutto a carico delle aziende, così si distrugge il SSN;

12.A gennaio 2017 tutti i lavoratori saranno iscritti a METASALUTE (oggi sono meno di 80 mila aderenti e rischia la chiusura) salvo revoca scritta, che noi consigliamo caldamente;

13.La formazione avrà un costo complessivo di 300 euro nei 3 anni ma le aziende attingeranno ai finanziamenti esterni compreso Fondimpresa gestita da CGIL CISL UIL e sostenuta con una parte del salario dei lavoratori, sono sempre nostri soldi;

  1. L’età oltre la quale i lavoratori non potranno più essere trasferiti aumenta di 2 anni x uomini (52) e 3 x le donne (48);
  2. I permessi retribuiti per l’assistenza ai disabili, previsti dalla legge 104/92, devono essere programmati per tutto il mese e comunicati almeno 10 giorni prima dell’utilizzo;

16.I benefit da erogare saranno totalmente esentasse per le aziende che le potranno scalare dalla dichiarazione dei redditi, mentre i lavoratori  ci dovranno pagare le tasse (iva 23%) e in busta non entra niente;

  1. La media dei buoni spesa sarà di 150€ x anno che corrispondono a 12.5€ al mese (ci diranno anche dove comprare il pane?);
  2. Se il padrone non ti fa andare in ferie, potrai sempre permessi retribuiti
  3. orari flessibili
  4. anticipare la pensione con le competenze accantonate, idea innovativa;

19.Se un tuo collega ha un problema familiare, gli puoi regalare le tue ferie, senza aspettare che il padrone gli conceda un permesso retribuito;

20.Se hai un “tablet” di nuova generazione, potrai lavorare anche in treno o al parco, così il padrone sarà molto contento perché non dovrà darti un ufficio a norma di legge;

21.Gli orari diventano sempre piu’ flessibili come la durata della settimana lavorativa , magari per non pagarti neppure gli straordinari con la maggiorazione;

Pensi  che sia un buon contratto?  Pensi davvero che potrai recuperare il potere di acquisto perduto  e conservare il potere di contrattazione?

Noi diciamo di no

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.