Novità nelle visite fiscali per i dipendenti pubblici: saranno “sistematiche e ripetitive”

Da Sabato 13 Gennaio sono in vigore i nuovi controlli dei medici fiscali sui lavoratori della pubblica amministrazione. Si prevedono controlli “sistematici e ripetitivi”; ciò significa che durante l’assenza per una stessa malattia il medico fiscale potrà, attivato su richiesta del datore di lavoro o d’ufficio dall’INPS, già a partire dal primo giorno di malattia, recarsi più volte al domicilio del lavoratore.

Da queste regole sono esclusi i malati che si devono sottoporre a terapie salvavita (come la chemioterapia), gli invalidi per causa di servizio affetti da patologie molto invalidanti e gli invalidi civili oltre il 67%, ma non più gli infortuni sul lavoro meno gravi.

Il medico fiscale al termine della visita redige un verbale che viene trasmesso online all’Inps e deve informare il lavoratore che se non accetta l’esito della visita deve dichiarare “seduta stante” il proprio dissenso e recarsi per la visita specialistica ambulatoriale all’Ufficio Medico Legale Inps competente per territorio il primo giorno utile.

Importante: Se il lavoratore malato si ricovera in ospedale o cambia indirizzo rispetto a quello di reperibilità fornito, dovrà farlo sapere subito all’Inps, altrimenti sarà considerato assente. Se, invece, sta meglio e torna in ufficio prima della scadenza, deve chiedere allo stesso medico che ha redatto il primo certificato di malattia, un certificato di malattia sostitutivo che il medico invierà all’Inps.

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.