Convegno per i 40 anni di Medicina Democratica. Il 20-21 gennaio a Milano

logo-medicina-democratica

Medicina Democratica a 40 anni dal suo primo Congresso (1976 Bologna) promuove un’iniziativa al fine di affermare il diritto alla salute. 

CONVEGNO APERTO

MILANO 20 E 21 GENNAIO 2017

CAMERA DEL LAVORO CORSO DI PORTA VITTORIA, 43

 PARTECIPAZIONE GRATUITA PREVIA ISCRIZIONE ON-LINE (CLICK QUI)

Non si tratta di una scadenza statutaria, né di un obbligo, ma è un’opportunità che MD vuole mettere a disposizione di chiunque possa essere interessato. Per questa ragione si è pensato di condividere la proposta con altre associazioni, movimenti, sindacati, reti che lottano e sono impegnate per il medesimo fine.

Non si vorrebbe organizzare un convegno classico; l’impronta dovrebbe essere “di movimento”: siamo di fronte ad una certa deriva politica e sociale che sta portando progressivamente a ridurre il diritto alla salute ad una sorte di opzione sottoposta alle esigenze di mercato e alle risorse disponibili (o che si si vogliono ritenere tali): si acuiscono le diseguaglianze, non si supera il contrasto fra lavoro e salute e, in sintesi, non si considera più fondamentale il diritto alla salute di cui all’articolo 32 della Costituzione Repubblicana. Ancora non ci sembra che vi sia una cosciente e larga opposizione a quanto sta avvenendo. La molteplicità e la varietà delle molteplici espressioni associative, di movimento e di organizzazione possono costituire una ricchezza nella misura in cui si confrontino e cerchino, senza nulla togliere alle loro peculiarità una via comune di azione di opposizione e di proposta.

Abbiamo individuato più precisamente i due temi fondamentali sui quali chiediamo di confrontarci perché vorremmo fare della ricorrenza dei 40 anni di MD un’iniziativa comune. Sottolineiamo che tali temi non sono solo “i nostri” essi derivano da un grande movimento e da una grande riflessione, da una relazione permanente che si è creata fra lavoratori ed intellettuali; il cambiamento è arrivato da li. E ci chiediamo se questo non sia il metodo più corretto e che vale ancora oggi, anche se la dispersione è più ampia e la sintesi risulta alquanto difficile:


A) Il contrasto fra lavoro e salute
è presente da sempre; la salvaguardia salute, agli inizi della rivoluzione industriale, era un fatto del tutto privo di interesse; successivamente la perdita di salute constatata è diventata monetizzazione salariale e solo negli anni 69-73 è stato posto il problema e si è operato per eliminare o ridurre l’impatto della nocività nei luoghi di lavoro e nell’ambiente. Ma tale dato è stato tutt’altro che definitivo. Ancora oggi il problema è riproposto come non risolto, si pensi per esempio a quanto avvenuto ed avviene intorno alla questione ILVA. Nella pratica, ma, a volte anche in teoria, addirittura anche in certi giudizi della magistratura, la salvaguardia della salute è legata alle risorse che si ritiene di rendere disponibili.
Si potrebbe, nell’incontro preventivato, partire da qualche esempio, la stessa Ilva di Taranto, e/o la Caffaro di Brescia o le tante fabbriche dell’amianto non solo per ragionare sulle conseguenze per i lavoratori e le popolazioni circostanti, ma per indicare nuove prospettive e nuove forme organizzate di mobilitazione e di lotta. Quale relazione fra economia e lavoro, quali produzioni mettere in discussione, come affrontare l’impatto ambientale della chimica. Considerare ancora le leggi che ci sono, la cui applicazione è legata a problemi economici più che a valori etici.
Non ultimo dovremmo discutere sul funzionamento delle strutture di prevenzione che soffrono sempre di più di mancanza di risorse e di operatori, ma anche di relazioni dirette con i soggetti coinvolti, gli stessi, che a volte, sembrano “poco interessati” per cultura o per costrizione.
Dovrebbero anche essere discussi gli organismi previdenziali, l’INPS e particolarmente l’INAIL, grande pachiderma burocratico che è riuscito a mantenere per sé stesso competenze che la riforma sanitaria del 1978 aveva tolto e affidato alle USL. Si vorrebbe inoltre entrare nel merito e dare indicazioni operative sulla la condizione delle donne lavoratrici e sul mobbing che tarda ad essere riconosciuto.

B) Il Servizio sanitario nazionale, universale, pubblico, partecipato fondato sulla prevenzione, viene dato per insostenibile, in realtà sono i fautori dei sistemi assicurativi e integrativi e chi li sostiene che lo danno per perso, avendo constatato e sperimentato che il sistema medico-industriale può essere (lo è già) fonte di grandi profitti. Ne è convinta o viene convinta anche buona parte della politica. Si è visto in Europa come sia stato destrutturato il più antico sistema sanitario, il NHS. Idem per quello spagnolo e per altri che già avevano una diversa configurazione: perché mai deve resistere solo quello italiano? Il problema è la nostra debolezza, forse ancora la frammentazione delle forze che ritengono che la sanità pubblica sia da difendere.
Il nostro intendimento è dunque quello di cercare di operare per costituire un fronte comune.

20 GENNAIO ORE 14.30 – 18.30

AULA BUOZZI

Saluto del Segretario Generale della Camera del Lavoro Metropolitana, Massimo Bonini

Relazione introduttiva: In ricordo di Luigi Mara ‐ LAURA MARA

Il diritto alla salute nei luoghi di lavoro: vecchie e nuove malattie professionali GINO CARPENTIERO (medico del lavoro‐Firenze)

La soggettività operaia e la non delega, un modello da attualizzare o una memoria storica ? – Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro

MARCO SPEZIA – Proposte di modifica al DLgs 81/08 alla luce anche delle proposte Sacconi

ENZO CORDARO – Le proposte di AIBeL sullo stress lavoro correlato e sulle vessazioni sul lavoro

DISCUSSIONE e altri interventi

RICCARDO ANTONINI – La discriminazione nei luoghi di lavoro. Le proposte dei lavoratori

ALESSANDRO ROMBOLA’ – Introduzione del reato di vessazioni sul lavoro nell’ordinamento giuridico

MAURIZIO LOSCHI – Ma l’INAIL è ancora utile ai lavoratori?

LAURA BODINI ‐ I servizi di prevenzione nei luoghi di lavoro ieri e oggi

CONCLUSIONE: Quale difesa in una situazione economica e lavorativa precaria ‐ MARCO CALDIROLI (v. presidente di MD)

21 GENNAIO ORE 9

ASSEMBLEA PLENARIA AULA BUOZZI

RELAZIONE INTRODUTTIVA: 1976 Primo congresso nazionale ‐ Con Giulio Maccacaro nasce Medicina Democratica – PIERGIORGIO DUCA (presidente di Medicina Democratica)

INTERVENGONO: SEN. NERINA DIRINDIN (Commissione Igiene e Sanità – Senato della Repubblica)

DEP. MARISA NICCHI (Commissione Affari Sociali ‐ Camera dei Deputati)

ALBERTO DONZELLI (Fondazione Allineare sanità e salute‐ Milano)

ROSSANA BECARELLI (Rete Sostenibilità e Salute – Torino)

BARBARA GRANDI ( ANDRIA ‐ Per l’assistenza appropriata in ostetricia e ginecologia – San Gimignano)

———————————————-

Ore 10,30 GRUPPI DI LAVORO:

1. Salute e organizzazione sanitaria: Per una nuova Riforma Sanitaria e l’individuazione di un modello di finanziamento della sanità che paghi la salute e non la malattia.

2. a) Salute e Lavoro (partecipazione e prevenzione) e b) Ambiente e Lavoro (energia, rifiuti, agricoltura)

3. Salute della Donna (il superamento della discriminazione nei luoghi di vita e di lavoro: quali servizi e quali strutture – l’involuzione della 194 – il riduzionismo nei consultori)

4. Salute mentale (quale riaffermazione e quale evoluzione nei servizi e nelle strutture)

5. a) I Livelli Essenziali di assistenza (quale medicina generale, quali ospedali: cura e riabilitazione) b) Epidemiologia e Prevenzione – Scienza e Formazione (conflitti di interesse e scienza funzionale agli interessi del mercato e critica alla formazione universitaria)

6. Disabilità, cronicità, non autosufficienza.

7. La Salute e Servizi Sanitari in Europa (confronto con Francia, Belgio, Spagna, Grecia)

—————————————————————-

SI RICHIEDE A COLORO CHE INTENDONO PARTECIPARE AI GRUPPI DI ISCRIVERSI, DI PREPARARE UN BREVE DOCUMENTO INTRODUTTIVO CHE VERRA’ ESPOSTO NEL GRUPPO SCELTO – ELEZIONE DI UN COORDINATORE.

—————————————————————–

Ore 16,30 CONCLUSIONI:

Le reti per la difesa e l’affermazione del Servizio Sanitario Nazionale

JEAN-LOUIS AILLON (Rete Sostenibilità e Salute)

PAOLO FIERRO (Rete napoletana per il diritto alla salute)

SEBASTIAN FRANCO (Rete europea per il diritto alla salute)

ISCRIZIONE GRATUITA E INFO: www.medicinademocratica.org

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.