Palestina: dopo un mese di scioperi gli insegnanti costringono il presidente Abbas ad aprire un dialogo

logo PPSWURiportiamo il breve resoconto di Imad Temeiza, del sindacato palestinese delle poste (Palestinian Postal services workers union  PPSWU) – aderente alla Rete Sindacale internazionale di Solidarietà e di Lotta – su un primo risultato positivo ottenuto dopo un mese di scioperi degli insegnanti palestinesi: il presidente Mahmoud Abbas ha aperto alla richiesta degli insegnanti di mantenere e dare seguito all’accordo sugli aumenti salariali raggiunto nel 2013 e mai attuato.

**********

Lo scorso sabato il presidente Mahmoud Abbas si è rivolto agli insegnanti in sciopero dopo quasi un mese di silenzio sulla protesta in corso.sciopero insegnanti palestina

Il presidente ha dichiarato che, in accordo con il Primo Ministro Rami Hamdallah, avrebbe deciso di proseguire il precedente accordo siglato tra l’Autorità Palestinese e il sindacato degli insegnanti nel 2013, così come chiesto dagli insegnanti.

Abbas ha anche detto che la richiesta dei lavoratori di una nuova rappresentanza nel sindacato degli insegnanti sarebbe stata affrontata con mezzi democratici.

Il presidente ha invitato gli insegnati a riprendere la scuola la domenica e ha detto che i punti dell’accordo sarebbero stati perfezionati all’inizio dell’anno scolastico 2017-2018.

Non è risultato immediatamente chiaro se gli insegnanti in sciopero abbiano accettato l’offerta del presidente.

Gli insegnanti palestinesi hanno lanciato uno sciopero a metà febbraio per ottenere stipendi più alti come promesso  dall’Autorità Palestinese in un accordo del 2013 che non è mai stato attuato.

Il sostegno e la partecipazione allo sciopero sono cresciuti sempre di più dopo che le forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese hanno cercato svariate volte di soffocare le manifestazioni degli insegnanti in sciopero.

Gli insegnanti nel frattempo si sono espressi duramente contro il sindacato di categoria per non essere riuscito a rappresentarli nel corso dei successivi negoziati con l’Autorità Palestinese e numerosi funzionari del sindacato degli insegnanti hanno rassegnato le dimissioni a seguito della richiesta pressante dei dimostranti di avere nuovi rappresentanti sindacali. Le manifestazioni durante gli scioperi sono state la più grande rivolta di massa contro l’Autorità Palestinese degli ultimi anni e ha mostrato la crepa che si è creata da tempo e che continua a crescere tra l’Autorità Palestinese e il settore statale.

11 Marzo 2016

Imad A.A. Temeiza 

Vice President for International Relations & Secretary 

Of Palestinian Postal services workers union – (PPSWU)

Member of the  Directors Board on  the Democracy and Workers Rights Center in Palestine “DWRC”

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.