La piattaforma per il rinnovo del CCNL Trasporti e Logistica la scrivono i lavoratori in assemblea

si cobas logisticaDopo anni di organizzazione, lotte, conquiste, ma anche repressione con centinaia di licenziamenti denunce e condanne, i lavoratori della logistica organizzati con il SI Cobas e l’ADL Cobas si preparano alla lotta per il rinnovo del CCNL Trasporti e Logistica sulla base della piattaforma nazionale, discussa in numerose assemblee domenica scorsa 27 settembre, che si contrappone agli accordi di svendita firmati da CGIL, CISL, UIL e UGL.

Il sindacato di lotta ha preso piede nei maggiori gruppi della logistica, anche se ci sono ancora centinaia di migliaia di lavoratori da organizzare. Nella piattaforma si pone l’obiettivo di liberarsi dalla trappola delle cooperative e si affrontano i problemi della salute, dell’orario di lavoro, della conservazione del posto di lavoro e gli ammortizzatori sociali, oltre ovviamente al salario.A decidere sarà la lotta.

Dal sito del sindacato Si Cobas

PUNTI DELLA PIATTAFORMA NAZIONALE

 1. TITOLARITA’ DEI COBAS NELLA CONTRATTAZIONE NAZIONALE: ACCETTAZIONE DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI PADRONALI DI SOTTOSCRIVERE CON I COBAS IL CCNL, RICONOSCENDONE FORMALMENTE LA LEGITTIMITA’ ALLA CONTRATTAZIONE E ALLA STIPULA DI ACCORDI DI VALENZA NAZIONALE;

2. CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA: NEL CCNL DEVE ESSERE INSERITA LA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA CHE OBBLIGA IL COMMITTENTE A GARANTIRE, IN CASO DI CAMBIO DI APPALTO, IL PASSAGGIO DI TUTTO IL PERSONALE PRESENTE NEL MAGAZZINO CON LA CONSERVAZIONE DELLE CONDIZIONI ESISTENTI E DELL’ ANZIANITA’ DI MAGAZZINO CON APPLICAZIONE DI FORME SANZIONATORIE PER CHI NON RISPETTA LE PROCEDURE DI CAMBIO;

 3. SUPERAMENTO DEFINITIVO DELLA FIGURA DEL SOCIO LAVORATORE: PASSAGGIO IN TUTTI I MAGAZZINI, DOVE IL CONTRATTO DI LAVORO E’ DI TIPO SUBORDINATO E ANCHE COME SOCIO DI COOPERATIVA, AD UN RAPPORTO DI LAVORO ESCLUSIVAMENTE DI TIPO SUBORDINATO, CANCELLANDO DEFINITIVAMENTE LA FIGURA DEL SOCIO LAVORATORE

 4. ESTENSIONE ASPETTI MIGLIORATIVI ALL’INTERO COMPARTO DELLA LOGISTICA DI TUTTI GLI ELEMENTI MIGLIORATIVI GIA’ CONQUISTATI IN TNT, BRT, GLS, SDA ED IN PARTICOLARE: TICKET DA 5,29 €, GARANZIA DELLE 168 ORE MENSILI, INTEGRAZIONE PER MALATTIA ED INFORTUNIO, 13° E 14° CORRISPOSTE SEMPRE AL 100 %, PASSAGGIO DI LIVELLO DAL MOMENTO DELL’ASSUNZIONE DAL 6° J NOVE MESI PER IL 6° S, DOPO ALTRI NOVE MESI AL 6° S, PASSAGGIO AUTOMATICO AL 5° E ULTERIORE PASSAGGIO AUTOMATICO DAL 5° AL 4° DOPO 6 ANNI DI ANZIANITA’

 5. SALVAGUARDIA DELLA SALUTE: ISITUTUZIONE DI COMMISSIONI MISTE TRA O.S., MEDICI COMPETENTI E AZIENDE VOLTE A CREARE EFFETIVE CONDIZIONI DI SICUREZZA PER LA SALUITE E ISTITUITUZIONE DI UNA NUOVA FORMA ASSICURATIVA CHE, IN ASSENZA DI OFFERTE DI LAVORO COMPATIBILI CON LO STATO FISICO DEL LAVORATORE, GARANTISCA AL LAVORATORE NON PIU’ IDONEO A SVOLGERE LA MANSIONE DI FACCHINO, UN REDDITO DIGNITOSO PER VIVERE.

 6. ORARIO DI LAVORO : NELLA PROSPETTIVA DI ARRIVARE ALLE 35 ORE SETTIMANALI, AVVIO DI UN PERCORSO CHE RIDUCA L’ORARIO A 37,5 ORE, A PARITA’ DI SALARIO, PARAMETRANDO GLI ISTITUTI CONTRATTUALI SEMPRE SULLE 168 ORE MENSILI, INDENNITA’ DI DISAGIO DI 10 € NETTI AL GIORNO CON INTERRUZIONI SUPERIORI ALLE 2 ORE E DI 20 € AL GIORNO PER INTERRUZIONI CHE SUPERANO LE 4 ORE.

 7. ADEGUAMENTI SALARIALI: L’AUMENTO CONTRATTUALE PREVISTO PER IL TRIENNIO DEVE ESSERE ADEGUATO E DEVE REALMENTE INCIDERE SULLA NECESSITA’ DI MIGLIORARE LE CONDIZIONI DI VITA E VERRA’ QUANTIFICATO ENTRO IL MESE DI OTTOBRE.

 8. JOBS ACT E AMMORTIZZATORI SOCIALI: MANTENIMENTO OVUNQUE DELLE TUTELE DELL’ART. 18. UNIFORMITÀ DI TRATTAMENTO PER QUANTO RIGUARDA L’UTILIZZO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, A PARTIRE DALLA CIGO E DALLA CIGS E CON LA POSSIBILITÀ ANCHE PER LE REALTÀ DEI COBAS DI SOTTOSCRIVERE CONTRATTI DI SOLIDARIETÀ.

 9. ALTRI ISTITUTI (FERIE, PERMESSI, CONGEDI, INTERRUZIONI, SOSPENSIONI DI LAVORO, ECC.) SU TUTTI QUESTI ASPETTI CI RISERVIAMO DI PRESENTARE PROPOSTE CIRCOSTANZIATE DOPO AVERE CONSULTATO I LAVORATORI.

 10. PERSONALE VIAGGIANTE: OLTRE A CHIEDERE L’APPLICAZIONE DI TUTTI I PUNTI RIGUARDANTI TUTTO IL PERSONALE NON VIAGGIANTE, IN PARTICOLARE, PER IL PERSONALE VIAGGIANTE SERVE SOPRATTUTTO IL RISPETTO DELLA ATTUALE NORMATIVA EUROPEA IN MATERIA DI RISPETTO DELLE ORE DI GUIDA, DEVONO ESSERE RETRIBUITE LE ORE DI EFFETTIVO LAVORO, COMPRESO ANCHE QUELLO NEL QUALE IL LAVORATORE È SUL POSTO DI LAVORO A DISPOSIZIONE DEL DATORE DI LAVORO E L’AUTISTA NON DEVE EFFETTUARE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO EX ART 30 DEL CCNL DI SETTORE IN VIGORE.

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.