Assemblea dei lavoratori IMQ: no alla disdetta degli accordi aziendali!

COMUNICATO SINDACALE UNITARIO della RSU dell’IMQ S.P.A.

No alla disdetta degli accordi aziendali!

Assemblea retribuita venerdì 16 novembre dalle ore 9,30 alle ore 11,00

Informiamo tutti che martedì pomeriggio 13 novembre, si è tenuto un incontro presso Assolombarda con la direzione IMQ, rappresentata dalla Dott.ssa Ermelinda Biondi e dal consulente Livio Lannutti e le RSU IMQ S.p.A. e Group. Abbiamo presentato la Piattaforma integrativa, che è stata approvata a larga maggioranza dai lavoratori. La risposta è stata che, essendo noi un azienda di servizi, dobbiamo competere, poiché costiamo, a loro dire il 15/20% in più dei nostri concorrenti (loro li chiamano competitor)! E che dobbiamo guardare non all’oggi, o al domani, ma al dopodomani, al futuro …

E quindi hanno annunciato:

1) La disdetta, con preavviso formale, degli accordi aziendali inerentemente al Premio professionale e al Premio feriale annuo, che varrà, a loro dire, solo per i neoassunti dalla data successiva alla disdetta stessa. Inoltre la disdetta del Premio di anzianità, che invece verrà applicata anche tutti gli attuali dipendenti.

2) Premio di risultato: l’intenzione è quella di erogare per il 2019 una cifra decisa unilateralmente dall’ Azienda, per il futuro puntano a mettere risorse economiche esclusivamente sul premio di risultato, “moderno” e non strettamente retributivo … Però se i certificati hanno ancora un valore è necessario eseguire in modo adeguato e professionale le verifiche, rispettare e controllare quel che c’è scritto, perciò servono professionalità ed esperienza e quindi non servono lavoratori che restano in azienda con i soli minimi contrattuali (con i quali si fa fatica a tirare a fine mese) e che sarebbero ancor più incentivati ad andarsene il prima possibile, non appena fatto un po’ di curriculum.

Il tentativo evidente è quello di cancellare gradualmente la lunga storia sindacale e di dare una sforbiciata ai salari per tutti. Ad esempio, per i lavoratori di Macerata l’Ispettorato del lavoro ha disposto il pagamento degli arretrati e il pagamento del Premio Feriale annuo, mentre a San Vendemiano si stanno muovendo con tentativi di conciliazione ad personam.

Per quel che riguarda i diritti sindacali hanno ribadito che loro gestiscono tutto il gruppo IMQ, compreso il CSI, ma le trattative e gli accordi li fanno separatamente: non ci siamo!

Nella parte finale dell’incontro abbiamo chiesto alla direzione di evitare la disdetta degli accordi e di rendersi disponibile ad affrontare i problemi concreti senza pregiudiziali. Per evitare la disdetta e/o fargliela ritirare non c’è avvocato o ispettorato del lavoro che tenga: ognuno potrà fare la sua parte organizzandosi però collettivamente, per difendere gli accordi, trattamenti economici e normativi.

Occorre rispondere a questa scelta, che attacca i diritti e le nostre attuali condizioni, e conseguentemente mobilitarci concretamente. Fin da ora dichiariamo lo stato di agitazione, e invitiamo tutti a partecipare all’ Assemblea e alle iniziative che verranno discusse e decise.

Milano, 14 novembre 2018

RSU E OO.SS. FIM-CISL MILANO METROPOLI, FIOM-CGIL, SIAL-COBAS

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.