Non Una Di Meno: comunicato di solidarietà alle lavoratici/tori Electrolux

presidio electrolux

solidarietà electrolux NUDM

Comunicato della rete Non Una di Meno di Milano 13 aprile 2017

Difendiamo #LottoMarzo oggi dalla parte delle lavoratrici e dei lavoratori Electrolux

L’8 marzo siamo state una marea che ha scelto lo sciopero come pratica e come strumento di mobilitazione di lavoratrici, precarie, disoccupate, studentesse, partite IVA fittizie, pensionate, casalinghe. Lo sciopero ha visto coinvolti oltre 56 Paesi del mondo: una risposta globale per una domanda di diritti globale.

Alla Electrolux di Solaro, in provincia di Milano, 26 tra lavoratori e lavoratrici che hanno scioperato subiscono ora provvedimenti disciplinari per assenza ingiustificata.

Un violento attacco ai diritti basato sul pretesto della mancata affissione nelle bacheche sindacali e della mancata comunicazione preventiva dello sciopero. Non sappiamo ancora l’entità del provvedimento. Sappiamo però che si tratta di una provocazione grave, che attacca il diritto di sciopero fuori da qualsiasi base giuridica.

Proclamato per il settore pubblico e privato, infatti, quello dell’8 marzo aveva la totale copertura ed era stato regolarmente comunicato a tutte le associazioni imprenditoriali. Il provvedimento è un segnale tra i molti della progressiva erosione quotidiana di diritti acquisiti, favorita anche dalle leggi in materia di lavoro. Alcuni giornali e rappresentanti sindacali hanno definito il nostro sciopero come inadeguato e non pertinente, ma quel che succede oggi alla Elecrolux di Solaro ci conferma al contrario che scioperare è più che mai necessario.
Le lavoratrici e i lavoratori a cui è stata contestata l’assenza ingiustificata non erano né ingiustificate né tantomeno assenti: sono state straordinarie protagoniste di una presa di coscienza collettiva sulla condizione femminile di questo Paese.

Saremo loro accanto nelle mobilitazioni che decideranno di fare, fino al ritiro definitivo dei provvedimenti e alla caduta di ogni forma di contestazione disciplinare e invitiamo a farsi avanti chi l’8 marzo abbia eventualmente subito in silenzio l’attacco al diritto di sciopero.

L’8 marzo è stata solo una giornata, ma per noi ha affermato una precisa pratica di lotta: se le nostre vite non valgono, noi allora scioperiamo.

E andremo avanti a farlo, fino e che tutte le vite non avranno lo stesso valore, dignità e rispetto.

Non una di meno.

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.