Call center: mobilitazione dei lavoratori spagnoli a Bruxelles. Appello agli altri lavoratori del settore

logo-rete-europeaIl prossimo 15 novembre una delegazione dei lavoratori dei call center spagnoli, organizzati sindacalmente con la CGT (membro della Rete Europea dei Sindacati Alternativi e di Base)  saranno al Parlamento Europeo per parlare della precarietà di questo settore. Questo incontro ha luogo in un momento importante di scioperi e mobilitazioni nel settore in Spagna.
Sarà presente una delegazione di 27 persone della CGT e ci sarà anche una forte delegazione di SUD /Solidaires in sostegno ai compagni spagnoli.
Sarà un’opportunità per i lavoratori di questo settore in crisi e dilaniato dalla precarietà e dalle delocalizzazioni per incontrarsi e rilanciare il coordinamento.
Il 15 novembre mattina ci sarà un concentramento davanti al Parlamento Europeo e tutti sono invitati a partecipare!
COMUNICATO CGT dello Stato Spagnolo:

 CAMPAGNA BRUXELLES 15 NOVEMBRE

Il prossimo 15 di novembre un gruppo di rappresentanza del sindacato CGT dello Stato spagnolo andrà a Bruxelles per protestare contro la precarietà del settore delle Telecomunicazioni e far presente che questo settore non rispetta la normativa europea, oltre che molte altre cose.

Questa delegazione di operatori sarà formata da 26 compagne/i delle aziende dello Stato spagnolo Atento, Emergia, Extel, GSS, Illunion, Konecta, Sitel, Teleperformance, Transcom e Unisono provenienti da diversi luoghi: La Coruña, Barcellona, Cordova, Lleida, Malaga, Siviglia, Valencia, Valladolid, Saragozza e Madrid.

Saranno organizzati diversi eventi per far conoscere la lotta per un  lavoro degno nel settore dei call center, spiegando le azioni portate a termine fin ad ora e quelle che sono previste prossimamente.

Da parte della CGT verrà presentata una relazione legale alle istituzioni europee sull’inosservanza delle normative europee in questa attività.

Il call center è storicamente un settore precario in cui le norme lavorative non hanno fatto altro che peggiorare sempre di più. Il precedente contratto collettivo, che durava dal 2010 al 2014, aveva introdotto un’importante restrizione salariale che si tradusse in una perdita del 5% del potere d’acquisto.

In questo nuovo contratto collettivo, l’associazione dei datori di lavoro cerca di inserire più tagli per aumentare la flessibilità dei lavoratori e non viene risolto nessuno dei problemi presenti.

Oltre ad attività con europarlamentari spagnoli, una conferenza stampa e qualche altra azione visibile durante la visita a Bruxelles, la CGT spagnola fa un appello internazionale a partecipare ad una concentrazione di fronte al Parlamento Europeo nella Place du Luxembourg. La concentrazione avrà luogo alle 11.30 del mattino e sarà un modo di  mettere le istituzioni di fronte al conflitto.

Purtroppo in questo giorno non avremo tempo per organizzare un incontro internazionale di lavoratori del settore, però vogliamo ringraziare tutti i compagni europei che possono raggiungere la concentrazione per appoggiare i call center spagnoli.

Aspettiamo tutti coloro che potranno partecipare appoggiando quest’azione

Giorno: 15 novembre 2016

Ore: 11.30

Posto: Place du Luxembourg, 1050 BRUXELLES

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.